Quantum Leaks. Gli usi delle teorie scientifiche nelle serie televisive, di Alberto Brodesco

0

Lost in science

Prima del paracadutismo sull’isola, Daniel Faraday era un professore di fisica a Oxford.
Come spesso accade in Lost , il nome del personaggio allude a una personalità filosofica o scientifica appartenente al passato (tra cui Locke, Rousseau, Hume, Rutherford e Minkowski), in questo caso il riferimento è a Michael Faraday (1791-1867), uno dei principali studiosi di elettromagnetismo ed elettrochimica.

In Perché te ne sei andato (5 × 01), Faraday combatte contro uno dei personaggi principali della serie, lo sregolato Sawyer. Senza fornire chiarimenti, Faraday mette sotto pressione il gruppo affinché lasci rapidamente la spiaggia. Sawyer non si fida di lui e chiede spiegazioni. Faraday risponde: “Non abbiamo davvero tempo per spiegarlo. Non hai idea di quanto sarebbe difficile, per me, cercare di spiegare questo … questo fenomeno da fisico quantistico”.

Sawyer, come è tipico del personaggio, recita la parte dell’uomo comune che non accetta di pensare che ci siano cose che non riesce a capire. Schiaffeggia Faraday, costringendolo a spiegare meglio: “L’isola … Pensa all’Isola come un disco che gira su un giradischi … ora, quel disco sta saltando. Qualunque cosa abbia fatto Ben Linus alla stazione Orchid … Penso che … potrebbe aver … averci fatto sloggiare… ” e un membro del gruppo chiede “Fatti sloggiare da cosa?“. “Tempo“, è la risposta di Faraday.
Il fisico, costretto a parlare con un pubblico non specializzato, adotta una delle solite convenzioni, la metafora, con cui, nella finzione e nella realtà, uno scienziato cerca di parlare al pubblico. Grazie alla metafora, lo scienziato e il laico riescono a comunicare, anche se la risposta di Faraday genera grande meraviglia tra gli ascoltatori.

La metafora del giradischi mette in luce un tratto essenziale di Lost: il tema del tempo e del viaggio nel tempo. Faraday afferma che ci sono cose che solo un fisico quantistico può capire e Sawyer si offende. Avendo a che fare col tempo, Faraday potrebbe aver ragione. Dopo Einstein, infatti, la scienza non è più in grado di fornire spiegazioni intuitive su questo problema.

Continua a leggere l’articolo su PUS Blog (in inglese).