Quale bilancio per il Public Understanding of Science?

35

E’ passato ormai quasi un quarto di secolo da quando la Royal Society lanciò l’allarme con il rapporto Bodmer sul Public Understanding of Science (1985). Il documento metteva in guardia da un potenziale deterioramento nei rapporti tra scienza e opinione pubblica e sosteneva la necessità di incentivare “una migliore comprensione della scienza come fattore significativo di promozione del benessere della nazione, elevando la qualità delle decisioni pubbliche e private ed arricchendo la vita dell’individuo”. La conclusione era che “gli scienziati devono imparare a comunicare con il pubblico e a considerare questa attività un proprio dovere”.
Naturalmente l’impegno delle istituzioni scientifiche nel divulgare la scienza aveva radici più antiche – si pensi alla Royal Institution nell’Inghilterra dell’Ottocento o all’American Association for the Advancement of Science , che negli anni Sessanta prese addirittura in considerazione l’ipotesi di aprire uffici di consulenza a Hollywood e New York per incentivare quantità e qualità dei contenuti scientifici nelle produzioni televisive e cinematografiche.
Tuttavia è innegabile che il ‘movimento per il public understanding of science ’, nato sulla scia del rapporto della Royal Society abbia lasciato un segno che permane tutt’oggi a vari livelli: nello sforzo crescente delle istituzioni di ricerca di rendere visibili e accessibili i propri risultati, con lo sviluppo di uffici stampa e servizi di pubbliche relazioni; nella diffusione e nel finanziamento di programmi di coinvolgimento del pubblico da parte di istituzioni nazionali e internazionali; nella proliferazione di corsi e master di giornalismo scientifico; nell’esplicita affermazione che quella del rapporto con la società divenga una ‘terza missione’ per i ricercatori e le loro istituzioni, accanto alla produzione di conoscenza e alla formazione di nuovi studiosi.

Quale bilancio si può trarre, a oltre vent’anni di distanza? Indubbiamente una parte della diagnosi della Royal Society si è rivelata una facile profezia: le questioni critiche e i conflitti pubblici sulle questioni scientifico-tecnologiche sono cresciuti in questi anni in numero e intensità – dal nucleare alla mucca pazza, dagli Ogm alla ricerca su cellule staminali di embrioni.
Più problematica si è rivelata l’aspettativa che dosi massicce di comunicazione potessero sviluppare atteggiamenti favorevoli da parte dell’opinione pubblica. Alcuni studi, a dire il vero, hanno mostrato che anche le persone effettivamente più informate sul piano scientifico non risultano per questo meno critiche su temi quali le biotecnologie. E’ certamente un merito del public understanding aver stimolato gli studi sulla percezione pubblica della scienza. Grazie a rilevazioni sistematiche e su base comparata, abbiamo ormai a disposizione strumenti solidi. Sappiamo ad esempio che il livello di alfabetizzazione scientifica degli Europei è migliorato negli ultimi anni, che quello degli italiani è nella media europea (tre italiani su quattro identificano il DNA come caratteristico degli organismi viventi, ma quattro su dieci credono che il sole sia un pianeta). Sappiamo che scienza e scienziati godono di notevole fiducia e credibilità tra i nostri connazionali, ma che un italiano su quattro è qualificabile come ‘antiscientista disinformato’. Più diffuso è lo scetticismo su aspetti più specifici dell’organizzazione della ricerca: un numero non trascurabile di italiani condivide un giudizio critico sia sulla permeabilità della ricerca nei confronti degli interessi economici, sia sulla trasparenza delle procedure di reclutamento. Oltre uno su due (55%) e quasi due su tre (64%) si riconoscono, rispettivamente, in affermazioni piuttosto forti quali ‘ormai anche i ricercatori pensano solo a far soldi’ e ‘nel mondo della ricerca fa carriera solo chi è raccomandato’ (Observa, Gli Italiani e la Scienza, 2008). Abbiamo familiarizzato con un significativo paradosso secondo cui l’interesse per la scienza e la propensione a studiare scienze tra i ragazzi diminuisce all’aumentare del PIL nazionale: all’entusiasmo per la scienza dei giovani dei Paesi in via di sviluppo fa da contraltare il disincanto di quelli tecnologicamente più evoluti.

Anche per questi motivi l’originaria impostazione comunicativa ‘paternalistica’ è stata – quantomeno a parole – rinnegata dai suoi stessi proponenti. Le parole d’ordine sono passate da ‘divulgazione’ a ‘dialogo’, da ‘public understanding’ a ‘public engagement’ , da ‘scienza e società’, a ‘scienza nella società’.

Resta tuttavia dubbio che si sia davvero usciti da una fase ‘eroica’ del public understanding in cui tutto andava bene, purché fosse comunicazione e soprattutto fosse in nome della scienza. Uno degli aspetti più critici del settore è infatti la relativa assenza di indicatori di valutazione e di impatto . Se quella del rapporto con il pubblico è davvero una terza funzione per le istituzioni di ricerca, se assorbe risorse sempre più ingenti, perché non deve essere valutata come avviene per le attività di ricerca o di formazione? E se è venuta meno la missione pedagogica originaria, a quale nuova missione andranno adeguati simili indicatori?
Una lettura ottimista sostiene che in realtà il vero impatto del public understanding of science vada visto proprio sui ricercatori. Comunicare con il pubblico, spiegare le proprie ragioni e ascoltare quelle dei cittadini potrà non bastare a piegarne gli orientamenti, ma servirà comunque a coltivare un rapporto basato su trasparenza e fiducia reciproca.
Una lettura forse più pessimista enfatizza invece la crescente incorporazione di logiche tipiche della visibilità mediale da parte di ricercatori e istituzioni di ricerca. Uno studio in corso di pubblicazione su Science mette in luce come gli scienziati del settore biomedico dedichino sempre più tempo e attribuiscano sempre più importanza per le proprie carriere al rapporto con i mezzi di comunicazione di massa. L’ipotesi da non scartare, insomma, è che anni di sforzi comunicativi orientati abbiano reso la scienza sensibile alle ragioni dei media e alle pressioni sociali in senso lato, più di quanto abbiano reso media e cittadini più sensibili alle ragioni della scienza.

Articolo pubblicato su Il Sole 24 ore, 6 luglio 2008.

Discussion35 commenti

  1. After examine just a few of the weblog posts on your web site now, and I really like your manner of blogging. I bookmarked it to my bookmark website list and might be checking again soon. Pls try my site as properly and let me know what you think.

  2. whoah this blog is magnificent i love reading your posts. Keep up the good work! You know, a lot of people are searching around for this information, you can aid them greatly.

  3. Usually I do not learn post on blogs, but I would like to say that this write-up very forced me to take a look at and do it! Your writing style has been amazed me. Thanks, quite great post.

  4. I like what you guys are up too. Such smart work and reporting! Carry on the superb works guys I’ve incorporated you guys to my blogroll. I think it’ll improve the value of my website 🙂

  5. I have been exploring for a bit for any high quality articles or webog
    posts in this sort of space . Exploring in Yahoo I at last stumbled upon this web site.
    Studying this information So i’m satisfied to exhibit that I’ve
    an incredibly excellent uncanny feeling I found out
    just what I needed. I so much definitely wkll make
    sure to don?t forget this site and ive it a glance regularly.

  6. What’s up, ths weekend is fastidious for me, for thee
    reason that this occasion i am reading this wonderful educational paragraph
    here at my home.

  7. naturally like your web-site but yoou have
    to take a look at the spelling on several of
    your posts. Many oof theem are rife wiuth spelling issues and I in finding it very bothersome to inform the truth nevertheless I will definitely come again again.

  8. hello there and thank you for your information – I’ve defintely picked upp anything new
    from right here. I did however expertise several technical issues using this website, since I experienced to reload thhe site a lot
    of times previous too I could get iit to load properly.
    I had been wondering if your hosting is OK? Not that I am complaining, but
    sluggish loading instances times will very frequenty affect your placement in google and can damage your high quality scpre if advertising
    aand marketing with Adwords. Anyway I’m adding this RSS to my e-mail and
    could look out for much more of your respective excitying content.
    Ensure that you update this again soon.

  9. Hi! I could have sworn I’ve been to this site before but after browsing through some
    of the pos I realized it’s new to me. Anyways, I’m definitely
    happy I found it and I’ll be bookmarkijg and checking back frequently!

  10. First offFirst of all I want toI would like to say greatawesometerrificsuperbwonderfulfantasticexcellent blog! I had a quick question thatin whichwhich I’d like to ask if you don’tif you do not mind. I was curiousinterested to knowto find out how you center yourself and clear your mindyour thoughtsyour head beforeprior to writing. I haveI’ve had a hard timea tough timea difficult timetroubledifficulty clearing my mindthoughts in getting my thoughtsideas outout there. I doI truly do enjoytake pleasure in writing but ithowever it just seems like the first 10 to 15 minutes areare generallyare usuallytend to be wastedlost justsimply just trying to figure out how to begin. Any suggestionsideasrecommendations or tipshints? ThanksKudosAppreciate itCheersThank youMany thanks!

  11. Angel Rangel admitted diving to try and win a penalty for Swansea at Old Trafford – a week after levelling the same accusation at West Brom’s Callum McManaman in a furious bust-up. Angel Rangel admits to diving to try and win Swansea a penalty at Manchester Untied… just a week after accusing Callum McManaman of doing the same thing

  12. I like the valuablehelpful informationinfo you provide in your articles. I willI’ll bookmark your weblogblog and check again here frequentlyregularly. I amI’m quite certainsure I willI’ll learn lots ofmanya lot ofplenty ofmany new stuff right here! Good luckBest of luck for the next!

  13. GreetingsHiyaHey thereHeyGood dayHowdyHi thereHello thereHiHello! I know this is kinda off topic however ,neverthelesshoweverbut I’d figured I’d ask. Would you be interested in exchangingtrading links or maybe guest writingauthoring a blog articlepost or vice-versa? My websitesiteblog goes overdiscussesaddressescovers a lot of the same subjectstopics as yours and I feelbelievethink we could greatly benefit from each other. If you happen to beyou might beyou areyou’re interested feel free to sendshoot me an e-mailemail. I look forward to hearing from you! AwesomeTerrificSuperbWonderfulFantasticExcellentGreat blog by the way!

  14. When someone writes an articlepostpiece of writingparagraph he/she keepsmaintainsretains the ideathoughtplanimage of a user in his/her mindbrain that how a user can understandknowbe aware of it. SoThusTherefore that’s why this articlepostpiece of writingparagraph is amazinggreatperfectoutstdanding. Thanks!

  15. Thanks for this great information. Well I wants to know little more about how we can convert any amazon link into affiliate link. Like we have tool for flipkart link but I am unable to find any tool for Amazon. Can you suggest me anyone?

Leave A Reply