Gli italiani e la scienza

13

Gli italiani hanno grande fiducia nella scienza, ma chiedono un maggior coinvolgimento.

L’81% ritiene che senza investimenti in ricerca l’Italia sia destinata al declino. Molto elevata la credibilità degli scienziati, ma non mancano i giudizi critici su trasparenza e meritocrazia: per il 64% “nel mondo della ricerca fa carriera solo chi è raccomandato”.Oltre un intervistato su due si aspetta un maggiore impegno da parte dei ricercatori per informare i cittadini.

A cura di Observa-Science in Society, con il sostegno della Compagnia di San Paolo

Gli italiani esprimono interesse e attenzione per la scienza, soprattutto se presentata in tv o nei quotidiani, e guardano con favore alle opportunità di incontro e di dialogo con gli scienziati. Per la maggioranza scienza e ricerca sono fattori imprescindibili per il benessere e la crescita economica, ma vanno gestite con la partecipazione di tutti i cittadini.

Sono alcuni dei dati che emergono da “Gli Italiani e la Scienza. Primo rapporto su scienza, tecnologia e opinione pubblica in Italia” realizzato da Observa – Science in Society, con il sostegno della Compagnia di San Paolo e presentato in anteprima il 18 febbraio in occasione della pubblicazione dell’Annuario Scienza e Società 2008.
Lo studio propone, in forma sistematica, i dati originali sugli atteggiamenti e le percezioni dei cittadini verso scienza e tecnologia raccolti nel corso del 2007 dall’Osservatorio Scienza e Società. Una fotografia dello stato dei rapporti tra cittadini e scienza inedita per il nostro Paese.

L’immagine della scienza che prevale nell’opinione pubblica è generalmente positiva: la stragrande maggioranza ne riconosce i benefici e il ruolo centrale nello sviluppo economico. E gli scienziati spiccano come l’interlocutore più credibile, allorché scienza e tecnologia divengono socialmente rilevanti, seguiti da ambientalisti e associazioni civiche, mentre la politica appare su questi temi in grave deficit di credibilità.

La ricerca scientifica è una priorità in materia di investimenti pubblici per un italiano su sei, dopo assistenza sanitaria, istruzione e lotta alla criminalità, ma nettamente davanti a trasporti e viabilità. I settori di ricerca considerati da privilegiare sono soprattutto quelli legati all’ambiente: la ricerca sulle energie rinnovabili catalizza da sola il 45% delle risposte, seguita dagli studi sui mutamenti climatici (16,4%).

Gli orientamenti degli italiani non sono tuttavia esenti da ambivalenze, in particolare su aspetti più specifici dell’organizzazione della ricerca: un numero non trascurabile di italiani critica sia la permeabilità della ricerca nei confronti degli interessi economici, sia la poca trasparenza delle procedure di reclutamento: per il 64% “nel mondo della ricerca fa carriera solo chi è raccomandato”. Ancor più diffusa è la sensazione che la ricerca italiana sia penalizzata da un eccessivo condizionamento della politica.

Secondo Massimiano Bucchi, professore di Sociologia della Scienza all’Università di Trento e tra i curatori dell’indagine insieme a Valeria Arzenton, “emerge a diversi livelli una richiesta di maggiore partecipazione alle decisioni che riguardano scienza e tecnologia: oltre l’80% ritiene che i cittadini dovrebbero essere più coinvolti e il 43% afferma addirittura che anche le priorità della ricerca debbano essere definite con il concorso di ‘tutti i cittadini’. Ugualmente diffusa è l’aspettativa di un maggiore impegno, da parte dei ricercatori, per informare i cittadini sui risultati delle proprie ricerche”.

Nel complesso, gli atteggiamenti degli italiani verso la scienza possono essere riassunti in quattro tipi fondamentali: l’antiscientista disinformato (26,8%, poco attento e in generale scettico, più diffuso tra i meno istruiti e i più anziani), lo scientista informato (13,6%, il più interessato e fiducioso, prevalente giovane, maschio e molto istruito), il pragmatico informato (15,8%, ha una visione utilitaristica della scienza, che apprezza soprattutto per le sue implicazioni pratiche) e il critico ottimista (43,8%, ottimista sulle implicazioni della scienza, ma perplesso soprattutto sulle attuali logiche organizzative della ricerca).

Per conoscere i risultati principali dell’indagine, leggi la sintesi o ascolta l’intervento di Massimiano Bucchi alla trasmissione Radio3Scienza di Martedì 19 febbraio 2008.

La versione integrale di “Gli italiani e la scienza” è contenuta nel volume Annuario Scienza e Società 2008 ed è accessibile in formato pdf ai soci di Observa – Science in Society (tramite password).

Per informazioni, l’Ufficio Stampa di Observa – Science in Society è disponibile ai seguenti recapiti:

tel e fax 0444 305454; email observa[at]observanet.it

L’Osservatorio Scienza e Società è dal 2003 il primo monitoraggio permanente delle tendenze e degli orientamenti dell’opinione pubblica italiana nei confronti di ricerca e innovazione tecnologica. Promosso da Observa Science in Society con il sostegno della Compagnia di San Paolo, l’Osservatorio nasce con l’intento di offrire a policy makers, media, istituzioni di ricerca e cittadini una solida base conoscitiva, suscettibile di comparazione a livello internazionale e di aggiornamenti periodici, per favorire un dibattito informato e costruttivo sui temi del rapporto tra scienza e società. È condotto tramite interviste CATI su un campione di 1000 casi, rappresentativo della popolazione italiana di età superiore a 15 anni, con la supervisione scientifica di Massimiano Bucchi (Università di Trento), Federico Neresini e Giuseppe Pellegrini (Università di Padova) e la direzione di Valeria Arzenton (Observa – Science in Society).

rassegna stampa

Discussion13 commenti

  1. When I initially commented I clicked the “Notify me when new comments are added” checkbox and now each
    time a comment is added I get several e-mails with the same
    comment. Is there any way you can remove me from that service?
    Appreciate it!

  2. I think this is among the most vital info for me.
    And i’m glad reading your article. But want to remark on few general things, The site style is great, the articles is really nice :
    D. Good job, cheers

  3. Quest bars cheap fitnesstipsnew1 quest bars cheap 516999410492780544 quest bars cheap
    Hello everyone, it’s my first pay a quick visit at this web site, and post is actually fruitful in favor of me, keep up posting such content.
    Quest bars cheap fitnesstipsnew1 quest bars cheap 516999410492780544 quest bars cheap

  4. Link exchange is nothing else except it is simply placing
    the other person’s website link on your page at suitable place and other person will
    also do same in favor of you.

  5. Simply wish to say your article is as astounding. The clarity to your submit is just nice and that i can think you are
    a professional in this subject. Well together with your permission let me to grasp your feed
    to stay updated with coming near near post. Thank you one
    million and please carry on the rewarding work.

  6. I’m now not certain the place you’re getting your information,
    but great topic. I needs to spend some time finding
    out much more or figuring out more. Thanks for fantastic information I was in search of this information for
    my mission.

  7. My spouse and I absolutely love your blog and find almost all of your post’s to be precisely what
    I’m looking for. Do you offer guest writers to write content for you personally?
    I wouldn’t mind composing a post or elaborating on a number of
    the subjects you write concerning here. Again, awesome site!

Leave A Reply