Risparmio energetico: tra buone intenzioni e comportamenti concreti

I nuovi dati dell’Osservatorio Scienza e Società pubblicati su Nòva 24 – Il Sole 24 Ore

La sensibilità dei cittadini italiani per i temi del risparmio energetico resta ampia, così come la loro disponibilità generale ad impegnarsi in comportamenti orientati alla riduzione dei consumi. Circa otto italiani su dieci – un dato in lieve aumento – affermano di utilizzare solo lampadine a basso consumo e più della metà dichiara di aver ridotto la temperatura della propria abitazione nonché di aver sostituito finestre ed infissi per ridurre la dispersione termica. Abbastanza elevata anche la quota che si orienta verso l’acquisto di elettrodomestici a basso consumo energetico (un 45% dichiara di averli già acquistati e un 48% si dice disponibile a farlo), mentre resta poco praticata l’installazione di pannelli solari. Va tuttavia segnalata, rispetto al dato del 2008, una leggera flessione, soprattutto tra i più giovani, in alcune modalità concrete di risparmio energetico, quali la riduzione della temperatura di casa. Un’ipotesi possibile è che le fasce più sensibili al tema si siano già ‘saturate’, una più semplice è che la rigidità dello scorso inverno abbia scoraggiato alcune intenzioni di risparmio.

Visualizza i dati completi

Leggi l’articolo uscito su Nòva 24 – Il Sole 24 Ore, di Lorenzo Beltrame.

L’Osservatorio Scienza e Società è un’iniziativa di Observa – Science in Society, con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Rilevazione CATI su un campione di 985 casi, stratificato per genere, età e ripartizione geografica, rappresentativo della popolazione italiana con età uguale o superiore ai 15 anni.

13 maggio 2010 | in: News, Osservatorio, Ricerca, Tags: , , ,