L’importanza del ‘ceto medio’ nella scienza

13

«Sventurata la terra che ha bisogno di eroi» scriveva Bertolt Brecht nel suo Vita di Galileo. E sventurata quella ricerca che ha bisogno di geni, si potrebbe oggi parafrasare di fronte a un paradosso sempre più ricorrente nelle cronache su ricerca e università.

Mi riferisco a quelle notizie che raccontano di giovani studiosi, scarsamente valorizzati in Italia, prontamente accolti da istituzioni di ricerca straniere. Come si spiega questo paradosso? Come è possibile che la tanto bistrattata università italiana produca figure così diffusamente appetibili nel resto d’Europa e del mondo? Siamo dunque un Paese di geni incompresi e di misconosciuti eroi della ricerca?

Eppure in questo paradosso si cela una lezione importante. Che ci dice qualcosa di più, sulla ricerca contemporanea, rispetto a ciò che già sappiamo o dovremmo sapere: la blanda (eufemismo) meritocrazia del reclutamento nelle nostre istituzioni e la qualità ancora relativamente solida (almeno in alcune istituzioni e settori) della nostra formazione universitaria. È una lezione che ci viene, tra l’altro, dall’opera del fisico e storico della scienza Thomas Kuhn. Analizzando le trasformazioni del sapere scientifico, Kuhn mise in luce che gran parte dell’attività di ricerca è “scienza normale”, ovvero tutt’altro che rivoluzionaria: lavoro quotidiano e certosino di affinamento e limatura delle conoscenze esistenti. Questa ricerca – per fortuna – non ha bisogno di geni. E quando arrivano davvero gli ingegni straordinari come Darwin o Einstein, quelli capaci di uscire dal paradigma esistente per balzare al successivo, è tutto quell’oscuro e prezioso lavoro collettivo a fare un salto di qualità.

D’altronde, basta dare un’occhiata ai numeri della ricerca contemporanea per farsi un’idea. Secondo una stima della National Science Foundation americana, il numero di ricercatori nel mondo è cresciuto, tra il 1995 e il 2007, da circa 4 milioni a 5,7 milioni. Limitandosi solo a un sottoinsieme di riviste internazionali peer reviewed, il numero degli articoli pubblicati è passato, negli ultimi due decenni, da circa 460.000 a circa 760.000.

Si tratta di dimensioni che non permettono più di confidare, come già ammoniva il Galileo di Brecht, nella sola presenza di talenti eccezionali a livello individuale o di singoli entusiasti come quelli che animarono la nascita della scienza moderna. La ricerca è oggi un’impresa globale, imponente e diffusa che richiede, oltre alle fortunate e brillanti eccezioni, un vasto “ceto medio” di solidi e affidabili professionisti.

Perché, dunque, alcune istituzioni di ricerca e le università straniere sono leste ad accaparrarsi i nostri aspiranti ricercatori? Fondamentalmente perché dispongono di organizzazioni di ricerca efficienti e ben oliate, capaci di valorizzare, appunto, quel “ceto medio” di cui la scienza contemporanea ha bisogno.

Dei geni, alla fine, non c’è troppo da preoccuparsi. Come mostra anche la storia dei nostri più illustri scienziati, essi prima o poi emergeranno comunque, qui o altrove.

Ma se c’è un campanello d’allarme che queste notizie devono far suonare, è che serve a ben poco indulgere nella retorica della ‘fuga dei cervelli’ se poi ogni discussione, ogni commento, è centrato sul caso singolo o sulla testimonianza, per quanto autorevole, dei soliti casi eccezionali – premi Nobel o scienziati visibili, peraltro spesso ormai non più in attività da tempo e quindi poco adatti a comprendere le dinamiche in rapida trasformazione del mondo della ricerca.

Che ci piaccia o no, è del “ceto medio” della scienza che dobbiamo occuparci, e di quanto le nostre organizzazioni e istituzioni siano attrezzate (o debbano rinnovarsi) per metterlo nelle condizioni di lavorare. Perché se dobbiamo affidarci ai soli ‘eroi’ della ricerca, allora sì aveva ragione il Galileo di Brecht: non siamo messi bene.

Massimiano Bucchi è professore di Scienza, Tecnologia e Società, Università di Trento. Il suo libro più recente è “Scientisti e antiscientisti. Perché scienza e società non si capiscono” (Il Mulino).

Discussion13 commenti

  1. There are some fascinating cut-off dates on this article but I don? know if I see all of them middle to heart. There’s some validity however I’ll take hold opinion until I look into it further. Good article , thanks and we wish more! Added to FeedBurner as effectively

  2. I truly wanted to type a simple remark to say thanks to you for the lovely strategies you are posting on this site. My time intensive internet lookup has at the end been rewarded with high-quality suggestions to exchange with my company. I would tell you that we website visitors are quite lucky to exist in a fantastic site with many perfect professionals with very helpful pointers. I feel somewhat lucky to have used the web pages and look forward to many more fabulous minutes reading here. Thanks again for a lot of things.

  3. I’m typically to running a blog and i really appreciate your content. The article has actually peaks my interest. I’m going to bookmark your site and keep checking for brand new information.

  4. I would like to express my thanks to you just for bailing me out of this type of crisis. Just after looking through the world wide web and finding advice which are not pleasant, I believed my entire life was gone. Existing without the approaches to the difficulties you’ve solved by way of your guide is a serious case, as well as ones which could have negatively affected my career if I had not encountered your web page. Your actual talents and kindness in touching every part was invaluable. I don’t know what I would’ve done if I hadn’t discovered such a thing like this. I am able to at this point look forward to my future. Thanks for your time so much for your specialized and amazing help. I will not be reluctant to suggest the website to anyone who will need recommendations about this subject matter.

  5. I’m typically to running a blog and i actually appreciate your content. The article has actually peaks my interest. I am going to bookmark your web site and hold checking for brand spanking new information.

  6. An fascinating discussion is value comment. I feel that you should write extra on this subject, it might not be a taboo subject however typically individuals are not enough to speak on such topics. To the next. Cheers

  7. I? need to examine with you here. Which isn’t one thing I usually do! I get pleasure from studying a publish that can make individuals think. Also, thanks for permitting me to remark!

  8. There are certainly a whole lot of particulars like that to take into consideration. That could be a nice level to bring up. I provide the ideas above as normal inspiration however clearly there are questions just like the one you convey up the place the most important thing will likely be working in trustworthy good faith. I don?t know if finest practices have emerged around issues like that, however I am positive that your job is clearly identified as a good game. Each girls and boys really feel the impression of just a moment? pleasure, for the remainder of their lives.

  9. Thanks for your own effort on this web page. My daughter enjoys doing investigation and it is easy to see why. Most people know all concerning the dynamic mode you provide insightful secrets via the blog and attract contribution from people about this area of interest so my princess has always been starting to learn a lot. Take advantage of the rest of the year. You’re the one doing a fantastic job.

  10. Can I just say what a aid to search out somebody who really is aware of what theyre speaking about on the internet. You undoubtedly know easy methods to carry an issue to mild and make it important. More individuals have to learn this and perceive this facet of the story. I cant imagine youre not more standard because you definitely have the gift.

  11. This website is mostly a walk-by for all of the data you wanted about this and didn? know who to ask. Glimpse here, and also you?l positively discover it.

Leave A Reply