“Il Diavolo non gioca a dadi”, il coinvolgente racconto della bomba atomica da Einstein a Hiroshima

M. Bucchi e il pianoforte di Arturo Stàlteri nella cornice ad effetto del Muse

“Il Diavolo non gioca a dadi”: in occasione del settantesimo anniversario della prima bomba atomica e della tragedia di Hiroshima, un eBook e un reading musicale.

bombaCover

Sullo sfondo ad effetto del Muse di Renzo Piano, Massimiano Bucchi ha raccontato la storia della bomba atomica, partendo dagli studi di Einstein per arrivare alla seconda guerra mondiale. Lo ha accompagnato il pianista e compositore (e conduttore radiofonico su Radio3) Arturo Stàlteri, che ha eseguito brani a tema scritti da lui e da altri autori (Ultravox, Sting, OMD, Blondie).

La serata ha riscosso un bel successo di pubblico, riuscendo nell’intento di emozionare con musica e parole. Se vi siete persi l’appuntamento, potete guardare il bellissimo video disponibile su Corriere.it.

IMG_3246 IMG_3245

IMG_3257 IMG_3251

Guarda la gallery del Muse su Flickr.
Stàlteri al piano, guarda il video.

Il testo di M. Bucchi, regalato ai presenti, è già disponibile in formato eBook nella collana de I Corsivi del “Corriere della Sera”. Acquista il libro su Libreria Rizzoli o sugli altri store digitali.

Rassegna stampa.

18 giugno 2015 | in: Primo piano,