Comportamenti e consumi sostenibili: cresce la disponibilità degli Italiani

Giuseppe Pellegrini

La sensibilità dei cittadini italiani per le questioni legate all’energia e all’ambiente sono aumentate in questi ultimi anni. Ma che cosa sono disposti a fare i cittadini per consumare meno energia?

Alcuni comportamenti e accorgimenti sembrano già diffusi, almeno in una certa misura: tre italiani su quattro dichiarano già di privilegiare lampadine a basso consumo e oltre uno su due afferma di aver già ridotto la temperatura della propria abitazione e di essere intervenuto su infissi o finestre per migliorarne l’isolamento.
Elevata anche la quota di chi si è orientato su elettrodomestici a basso consumo, che raccolgono anche un’elevata disponibilità potenziale tra chi non ancora li possiede: in pratica solo un 4% sembra del tutto restio ad adottarli.
Molto più modesta, infine, la dotazione di pannelli solari tra le famiglie italiane. Pannelli che tuttavia registrano la più elevata disponibilità potenziale: due su tre sarebbero pronti ad installarli. Va notato, tuttavia, che a queste propensioni si associa un’aspettativa di interventi più strutturali da parte delle istituzioni sui temi del risparmio energetico e della sostenibilità.

Articolo pubblicato su Nova24 – Il Sole 24 Ore il 16 aprile 2009. La versione pdf con i risultati completi è disponibile qui

I dati presentati sono stati pubblicati in Valeria Arzenton e Massimiano Bucchi (a cura di) Annuario Scienza e Società 2009, con “Gli italiani, la scienza e l’ambiente. Secondo rapporto su scienza, tecnologia e opinione pubblica”, Bologna, Il Mulino, 2009.

16 aprile 2009 | in: News, Osservatorio, Ricerca, Tags: ,