Annuario Scienza Tecnologia e Società 2017: qualche dato

31

Qui un assaggio delle infografiche contenute nell’Annuario.

I dati presentati nella prima parte del volume sfatano ancora una volta lo stereotipo di un pubblico italiano scientificamente analfabeta, poco interessato o addirittura pregiudizialmente ostile nei confronti della scienza e della tecnologia. Ancor più che nelle rilevazioni precedenti, i dati dell’Osservatorio Scienza, Tecnologia e Società evidenziano una crescita dell’alfabetismo scientifico, rilevante interesse per i contenuti che i media dedicano alla scienza, credibilità attribuita soprattutto a quelle fonti come le conferenze di ricercatori che mettono in contatto diretto con il mondo della ricerca.

Non mancano, tuttavia, elementi critici. In primo luogo, alfabetismo e interesse per la scienza non si distribuiscono in modo omogeneo per età e soprattutto livello di istruzione: netto il divario tra le nuove generazioni, i più istruiti e il resto della popolazione. Interesse e orientamenti aperti verso la scienza e i suoi contenuti non si traducono poi automaticamente in un’assenza di occasioni di discussione. Ad esempio, gli atteggiamenti verso la sperimentazione animale vedono il 42% degli italiani contrari in ogni caso e un altro 40% orientato a un loro utilizzo limitato. La motivazione prevalente indicata dai contrari (il riconoscimento di diritti animali equiparabili a quelli umani) conferma – così come in precedenza era avvenuto per la questione dei vaccini – che tali orientamenti non rispondono a una logica di sospetto o sfiducia nei confronti degli scienziati, ma ad altri cambiamenti sociali e culturali e allo sviluppo di nuove sensibilità.

Inoltre, non è possibile sottovalutare il giudizio critico dei cittadini su vari aspetti delle politiche della ricerca italiana: la carenza di investimenti, il condizionamento della politica, il limitato ricambio generazionale. Quasi nove cittadini su dieci pensano che i ricercatori italiani siano costretti dalle condizioni in cui versa la ricerca ad andare a lavorare all’estero e che l’Italia investa troppo poco in questo settore; più dell’80% ritiene che la ricerca italiana sia troppo condizionata dalla politica. Una quota molto alta crede anche che lo spazio per le nuove generazioni di ricercatori sia assai limitato (72%) ed è convinta che l’ambiente di lavoro degli scienziati sia «dominato dai maschi» (55%).

Vai alla rassegna stampa.

L’Annuario è realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo.
È gratuito per i soci Observa e disponibile in libreria, sul sito de Il Mulino e delle principali librerie online.

Discussion31 commenti

  1. A motivating discussion is worth comment. There’s no doubt that that you should publish more about this topic, it may not be a taboo
    matter but generally people don’t discuss these
    subjects. To the next! All the best!!

    Liverpool ny trøje

  2. We’re a group of volunteers and starting a new scheme in our community.
    Your site provided us with valuable information to work on. You’ve done an impressive job and our whole
    community will be grateful to you.

  3. whoah this weblog is magnificent i like studying your posts.
    Stay up the good work! You understand, lots of individuals are looking round for this
    info, you can aid them greatly.

  4. Hello! I’ve been reading your site for a while now and finally got
    the courage to go ahead and give you a shout out from Kingwood Tx!

    Just wanted to tell you keep up the good job!

  5. hello!,I like your writing so so much! share we keep up a correspondence more approximately your article on AOL?

    I need an expert on this area to unravel my problem.
    May be that’s you! Looking ahead to see you.

Leave A Reply