A Regola d’Arte – Il piacere di saper fare tra scienza, tecnologia e cultura

Villa Caldogno (VI), 15-16 aprile 2011

A Regola d’Arte, l’evento che racconta “il piacere di saper fare tra scienza, tecnologia e cultura” torna anche quest’anno nella cornice della palladiana Villa Caldogno, Vicenza.

In programma il 15 e 16 aprile 2011, la Rassegna è dedicata alla riscoperta dell’incontro tra cultura e competenza manuale: un tema essenziale per il territorio Veneto e il suo legame strettissimo tra conoscenze teoriche e arte manuale, racchiusa in produzioni artigianali uniche.

Scienziati, musicisti, filosofi, disegnatori, concerti e video animeranno Villa Caldogno nelle varie serate: il matematico Piergiorgio Odifreddi e la pianista Debora Petrina coinvolgeranno il pubblico in una serata tra geometria e musica, mentre il filosofo Maurizio Ferraris e l’autore satirico e creatore di “Pimpa” Francesco Tullio Altan dialogheranno sul ruolo e l’arte dell’umorismo.

Laboratori aperti offriranno a grandi e piccini la possibilità di esplorare il ‘piacere di far bene le cose’ sotto la guida di maestri autorevoli e, per concludere, dolci degustazioni.

In occasione della Rassegna sarà visitabile la mostra “Ridere con la Scienza” in collaborazione con la storica manifestazione Umoristi a Marostica: una selezione delle più belle illustrazioni umoristiche riguardanti il rapporto tra scienza, tecnologia e società.

Scarica il programma

Informazioni e contatti stampa
Observa Science in Society, tel. 0444 305454.

Anna Buccio e Giulia Cegalin, e-mail: comunicazione@aregoladiarte.it

Come raggiungere Villa Caldogno


CALENDARIO

venerdì 15 aprile

ore 20.30

Inaugurazione

Marcello Vezzaro, sindaco, Comune di Caldogno

Fabio Gollin, assessore alla Cultura, Comune di Caldogno

Giuseppe Pellegrini, Observa Science in Society

Incipit

Debora Petrina

Geometrie della musica: concerto per pianoforte

GEOMETRIE A REGOLA D’ARTE

Piergiorgio Odifreddi, matematico e saggista

Debora Petrina, pianista e cantautrice

Introduce Massimiano Bucchi, Observa Science in Society

sabato 16 aprile

ore 17.30

LABORATORI A REGOLA D’ARTE

l’Arte del gelato, l’Arte della moka, l’Arte del tè, l’Arte della carta,

l’Arte dello speziale, l’Arte del pianoforte

Per grandi e piccini, partecipazione gratuita fino ad esaurimento posti

Aperitivo a Regola d’Arte

Incontro con maestri artigiani, in collaborazione con CNA Vicenza

Ore 20.30

UMORISMO A REGOLA D’ARTE

Sc(i)en(z)e da ridere:

Scienza e umorismo nel cinema

Video a cura di Alberto Brodesco

Altan, autore di fumetti, disegnatore e autore satirico

Maurizio Ferraris, filosofo e saggista

Introduce Federico Neresini, Observa Science in Society

RIDERE CON LA SCIENZA

Le migliori illustrazioni umoristiche su scienza e tecnologia

Mostra in collaborazione con Umoristi a Marostica

Guarda le tavole della mostra

Ingresso libero


Durante la rassegna il pubblico potrà partecipare al Concorso A Regola d’Arte…

Il vincitore sarà premiato con un soggiorno di tre giorni, due notti per due persone, presso Falkensteiner Hotel Palazzo Sitano.


DEBORA PETRINA, pianista e compositrice, è una delle rivelazioni della scena italiana, non solo cantautorale, ma anche avanguardistica, jazz e pop-rock: Premio Ciampi 2007, Premio Rivelazione Indie-Pop al MEI 2009, Premio Siae per Demo e Demo Award 2010, cantante.
Il suo disco In doma (2009), premiato dalla critica, è inserito da David Byrne nelle playlist dei preferiti per ben 3 volte nel giro di pochi mesi: nell’ultima playlist (aprile 10), dal titolo Italia, il nome di Petrina affianca quelli di Paolo Conte, Carmen Consoli e Marisa Sannia.
Ha suonato allo Stone (New York), invitata da Elliott Sharp, al Mills College (Oakland), alla Conway Hall (Londra), al Teatro Roldán (l’Avana), dietro invito dell’Instituto Cubano de la Mùsica, al Teatro la Fenice (Venezia), alla Radio della Svizzera Italiana (Lugano), ed è spesso ospite delle radio e tv nazionali (RaiRadio1, RaiRadio2, RaiRadio3, Tg2). Ha registrato negli USA un CD di inediti di Morton Feldman.

PIERGIORGIO ODIFREDDI ha studiato matematica in Italia, negli Stati Uniti e in Unione Sovietica, e ha insegnato Logica presso l’Università di Torino e la Cornell University. Collabora a “la Repubblica”, “L’Espresso” e “Le Scienze”. Ha vinto nel 1998 il premio Galileo dell’Unione Matematica Italiana, nel 2002 il premio Peano della athesis e nel 2006 il premio Italgas per la divulgazione. Tra i suoi libri: Il Vangelo secondo la Scienza (Einaudi, 1999), C’era una volta un paradosso (Einaudi, 2001), Le menzogne di Ulisse (Longanesi, 2004), Il matematico impertinente (Longanesi, 2005) e Perché non possiamo essere cristiani (e meno che mai cattolici) (Longanesi, 2007).
Con Mondadori ha pubblicato Matematico e impertinente (2007), Il Club dei matematici solitari del prof. Odifreddi (2009) e Hai vinto, Galileo! (2009). Il suo ultimo libro: C’è spazio per tutti. Il grande racconto della geometria (Mondadori, 2010).

FRANCESCO TULLIO ALTAN è autore di fumetti, disegnatore, sceneggiatore e autore satirico. Nel 1975 ha creato il personaggio Pimpa le cui storie sono state pubblicate  regolarmente sul Corriere dei Piccoli. Dal 1987 Pimpa gode di un mensile tutto suo, di più di trenta libri originali tradotti e pubblicati anche all’estero e di una serie televisiva a cartoni animati di cui Altan è stato sceneggiatore. Altri personaggi e racconti per l’infanzia illustrati e scritti da Altan sono: Kika, Camillo Kromo, Simone Acchiappasuoni, Ada va nel bosco, Carlotta prende il treno, e alcuni libri scritti da Gianni Rodari. Altan realizza anche fumetti e vignette per un pubblico adulto, apparsi dapprima su Linus e poi regolarmente su “L’Espresso” e “la Repubblica”: oltre al famoso operaio metalmeccanico Cipputi, le parodie di personaggi famosi come Cristoforo Colombo, Casanova e San Francesco d’Assisi. Le sue opere più recenti sono I nostri antenati. Tre biografie non autorizzate (Bur, 2009), Altan terapia (Salani, 2010) e Donne nude (Longanesi, 2011).

MAURIZIO FERRARIS, filosofo e saggista è professore ordinario di Filosofia Teoretica alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Presso l’Ateneo torinese ha fondato e dirige il CTAO (Centro interuniversitario di Ontologia Teorica e Applicata) e il LABONT (Laboratorio di Ontologia). Ha studiato a Torino – sotto la guida di Gianni Vattimo – a Parigi e Heidelberg, insegnando nelle maggiori università europee. Dirige la Rivista di Estetica ed è nel comitato direttivo di “Critique” e di “Aut Aut”.
Editorialista di “la Repubblica”, ha lungamente collaborato al supplemento culturale de “Il Sole 24 ORE”. Le sue aree di competenza sono l’ermeneutica, l’estetica e l’ontologia.
Ha scritto una quarantina di libri tradotti in varie lingue, tra i quali Filosofia per dame (Guanda, 2011) e Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce (Laterza, 2009).


IL LUOGO

Villa Caldogno (1565), attribuita ad Andrea Palladio, rappresenta forse il miglior esempio vicentino di recupero e riutilizzo di una classica villa veneta. Un imponente intervento condotto dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Enti, Istituzioni e sponsor privati, nell’ultimo decennio, ha portato al completo restauro architettonico e al ripristino del magnifico ciclo di affreschi interno, opera di Giovanni Antonio Fasolo, Giovanni Battista Zelotti e Giulio Carpioni. Il complesso della Villa, con il parco circostante e gli Annessi, ospita il centro culturale di formazione C4 – Centro Cultura del Contemporaneo Caldogno.

Come raggiungere la Villa
Per chi arriva in auto:
uscita A4 Vicenza Ovest, seguire le indicazioni per Schio-Thiene e prendere la statale. A circa tre chilometri da Vicenza, in località Motta di Costabissara, all’altezza del bivio Schio-Thiene, girare a destra per Caldogno e seguire le indicazioni per Villa Caldogno e centro.

Per chi arriva con i mezzi pubblici:
da Piazza Matteotti, in centro a Vicenza, prendere l’autobus n. 9 in direzione Caldogno. Scendere a Caldogno, Piazza della Chiesa. L’area della Villa confina con la Piazza.

A Regola d’Arte è un’iniziativa promossa dall’associazione Observa Science in Society e dal Comune di Caldogno, con CNA Provincia di Vicenza, Università del Caffè di Trieste, Umoristi a Marostica, Associazione Giovani Architetti Provincia di Vicenza (VAGA), con il contributo di Ordine dei Farmacisti della Provincia di Vicenza, Burgo Group e Palladio Industrie Grafiche Cartotecniche, in collaborazione con Hotel Vergilius, Tipografie Campisi, Corriere del Veneto, Loison Pasticcieri, AutoTransfer, Falkensteiner Hotel and Resort, Borgato pianoforti da concerto costruiti a mano, Gnam Gnam Gelateria, Figli di Pininpero zucchero & zuccheri.

Si ringraziano Marino Andreetta, Patrizia Cazzaro, Roberto Cibin, Stefano Corsi, Simone Fogliata, Andrea Lorenzet, Ottavio Menara, Emanuela Minnai, Barbara Motterle, Francesca Ponzecchi, Enea Saccozza, Barbara Saracino, Chiara Segafredo, Alessandra Zigliotto.

rassegna stampa